ON AIR

Fabrizio
Sironi

Ascolta la diretta

Pronte le nuove OGR a Torino

Le nuove Ogr, le Officine Grandi Riparazioni, apriranno al pubblico il 30 settembre. I 35 mila metri quadrati dell’edificio di architettura industriale di fine Ottocento, nel cuore della città, sono stati trasformati in un contenitore per la ricerca artistica in tutte le sue declinazioni e la ricerca in ambito tecnologico con una forte vocazione internazionale.

Ci sono voluti 1000 giorni di cantiere e un investimento di 100 milioni di euro, stanziati dalla Fondazione Crt, per riportare a nuova vita le storiche Officine. Una cattedrale della storia industriale con volte alte come un palazzo di 5 piani e illuminata da 1200 finestre, che a fine mese sarà restituita a Torino con una grande festa, “Big Bang”, lunga due settimane e aperta a tutti con percorsi d’arte e momenti di musica.

Riapriranno ai visitatori la manica Sud, destinata a ospitare mostre e spettacoli, e il transetto “Snodo”, che accoglie ristoranti e bar. Proseguono invece i lavori nell’Officina Nord, la cui inaugurazione è fissata per il prossimo anno.

Già dal 30 settembre saranno invece aperte ai torinesi anche le due nuove piazze: la corte Est che si affaccia su via Castelfidardo e la corte Ovest su via Borsellino. Entrambi gli spazi saranno accessibili liberamente e accoglieranno opere d’arte a rotazione (per il taglio del nastro è in arrivo la grande scultura di William Kentridge), ma anche spettacoli e aperitivi.

C’è stato un sopralluogo per gli addetti al lavori, con il presidente della Società Ogr-Crt, Giovanni Quaglia, e il direttore generale Massimo Lapucci. Con loro il project manager delle Ogr Marco Colasanti e il direttore artistico Nicola Ricciardi.

Sabato 30 settembre le Officine a forma di «H» si sveleranno infatti ai torinesi con una grande festa dal titolo «Big Bang», che proseguirà fino al 14 ottobre con percorsi d’arte e momenti di musica aperta a tutti.Le Ogr sono la sfida più straordinaria in 25 anni di storia della Fondazione Crt», ha detto il presidente Giovanni Quaglia. «Perché queste Officine sono insieme storia e memoria. Un luogo a lungo abbandonato, una ferita per la città, che con questo intervento di rifunzionalizzazione e di recupero torna a vivere e si proietta al futuro». Una trasformazione che è il risultato, ha sottolineato il segretario generale della Fondazione, Massimo Lapucci, «di una visione coraggiosa. Non una semplice ristrutturazione – ha spiegato -, ma un progetto con cui si è voluto guardare oltre, per fare di questa cattedrale della storia industriale di Torino uno dei motori di sviluppo del territorio».

 

LE OFFICINE OGR VISTE DAL DRONE

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Commenti