ON AIR

Fabio
Marelli

Ascolta la diretta

Milano, un nuovo look per Piazza Cordusio

A Milano piazza Cordusio è pronta a cambiare: i privati che stanno investendo negli edifici (Hines, Generali Re e Fosun) hanno depositato – il Corriere della Sera – un progetto preliminare con disegni di Freyrie Flores e Mic che cambierà decisamente volto ad un luogo amato dai milanesi.

MENO AUTO

Meno auto è la parola chiave: in particolare, da via Meravigli, se il progetto venisse accettato dal Comune di Milano, non si potrà più accedere alla piazza con l’automobile. Di conseguenza via Orefici sarebbe a sua volta trasformata, con marciapiedi più larghi. Il grande ovale della piazza sarebbe completamente liberato da fioriere, cartelli stradali e pubblicitari, e non avrebbe più dislivelli.

DETTAGLI CURIOSI

C’è spazio anche per qualche dettaglio curioso, come poesie recitate da un altoparlante accanto alla statua di Giuseppe Parini o storie della città accanto a quella di Carlo Cattaneo su largo Santa Margherita (tra via Grossi e la Galleria Vittorio Emanuele). L’obiettivo non celato è quello di favorire la mobilità pedonale in un contesto che diventerà sempre più votato allo shopping.

E IL VERDE?

Chiunque osservi la piazza “liberata” si chiederà perché gli architetti non hanno pensato a nemmeno una pianta. La risposta è che sottoterra c’è la stazione della metropolitana ed è quindi impossibile piantare radici. Sarà però certamente auspicabile pensare ad un po’ di verde per abbellire.

I NEGOZI

Fiore all’occhiello commerciale della nuova piazza Cordusio sarà certamente il primo Starbucks italiano, 2.400 metri quadri nell’ex palazzo delle Poste acquisito da Blackstone, che però al momento non figura tra i promotori del progetto di riqualificazione della piazza. Hines è invece il proprietario principale, visto che possiede quattro palazzi in tutto. Generali a sua volta trasferirà i suoi dipendenti nella Torre Hadid a City Life e il palazzo di sua proprietà verrà trasformato probabilmente in un centro commerciale con alcuni piani dedicati ad un hotel.

In collaborazione con

Commenti