ON AIR

Alessio
Aloisi

Ascolta la diretta

Presto a Milano l’elenco delle social street per collaborare con il Comune

Il fenomeno delle social street è diffuso in tutto il mondo e Milano non poteva fare da eccezione. Negli ultimi anni, complice la sempre maggiore diffusione di Facebook, sono sorti gruppi riferiti ad una via particolare (o al massimo a un gruppo ristretto di strade) con lo scopo di riunire gli abitanti e produrre una socializzazione che, vista la specificità territoriale, non è solo online ma anche reale.

Il Comune di Milano ha ora deciso di valorizzare questi gruppi informali, nati spontaneamente, e di riconoscerne la funzione sociale. E’ nato così un avviso pubblico per consentire ai gruppi formatisi di interagire con il Comune, ad esempio per chiedere spazi o servizi ad hoc. L’avviso pubblico consiste in pratica in una “raccolta di contatti” per andare a formare un elenco di tutti i gruppi informali di cittadinanza attiva. Con un termine improprio ma comprensibile, si potrebbe definirlo “l’albo delle social street”.

Uno degli obiettivi di Palazzo Marino è coinvolgere le social street nella rete del welfare milanese, con le associazioni e i gruppi di volontariato: «La creazione di legami di solidarietà tra vicini di casa e di momenti di aggregazione che spingono le persone ad uscire dall’isolamento sono un modo per combattere la solitudine, ricucire il tessuto sociale, creare comunità», ha spiegato l’assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino.

Il tutto sotto il segno di una sempre maggiore partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e un conseguente rapporto sempre più stretto tra l’istituzione del Comune e gli abitanti di Milano.

COME FARE
Per iscriversi all’elenco c’è tempo fino al 5 maggio 2017. I proponenti devono essere almeno due maggiorenni residenti a Milano e senza condanne penali. Occorre presentare un progetto di attività: queste dovranno essere illustrate singolarmente e non caratterizzarsi come attività quotidiane o continuative. Una commissione valuterà l’ammissibilità dei progetti, che dovranno indicare l’attività specifica, la durata presunta dell’impegno che ci si assume, il numero di persone impegnate, il nominativo di un responsabile che sarà referente nei confronti del Comune. Gli elenchi saranno aggiornati ogni sei mesi.

In collaborazione con
milano

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Commenti