ON AIR

Emiliano
Picardi

Ascolta la diretta

Intervista a Marco Iacomelli regista di GREEN DAY’S AMERICAN IDIOT al Teatro della Luna (2 -11 novembre)

Dopo il successo dello scorso anno torna al Teatro della Luna GREEN DAY’S AMERICAN IDIOT (2-11 novembre), il musical scritto da Billie Joe Armstrong con le musiche dei Green Day: uno spettacolo non solo per i fan, ma per tutti quelli che desiderano assistere a uno show energico e innovativo, il “racconto di formazione” di tre giovani amici, Johnny, Will e Tunny.

 

La produzione italiana di “Green Day’s American Idiot” si avvale della regia di Marco Iacomelli. Il musical, coprodotto da STM – Scuola del Teatro MusicaleFondazione Teatro Coccia e Reverse Agency, con il sostegno di Fondazione CRT, si inserisce nel rivoluzionario filone italiano del teatro musicale contemporaneo, come “Next To Normal”, sempre diretto da Marco Iacomelli.

Un viaggio emozionale nelle 13 canzoni del concept album “American Idiot”, con alcuni brani dall’album “21st Century Breakdown” pubblicato nel 2009 e un inedito. Lo spettacolo è un crescendo di canzoni memorabili e coinvolgenti, piene della potenza dei Green Day, da 21 Guns che è già un videoclip con il cast italiano del musical, Jesus of SuburbiaBoulevard of Broken DreamsWake Me Up When September EndsHoliday e il titolo campione d’incassi American Idiot, oltre a Good Riddance, meglio conosciuta come Time of Your Life.

Noi abbiamo intervistato il regista del musical, Marco Iacomelli, ecco cosa ci ha raccontato…

(Marco Iacomelli – foto da Facebook)

1 – Il Musical, scritto da Billie Joe Armstrong, si basa sul concept album “American Idiot” del 2004, ma non solo…

2 – E’ uno spettacolo recitato in italiano con band dal vivo e canzoni nella versione originale…

3 – Si tratta della storia di 3 amici, è una sorta di romanzo di formazione…

4 – La storia esplora gli aspetti più torbidi della società contemporanea, ma il messaggio finale è positivo….

5 – “Un team fantastico…”

6 – Ed ecco l’invito finale…

 

Qui le info per i biglietti

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Commenti