Il FAI premia ‘I Luoghi del Cuore’

Svelati i 20 Luoghi del Cuore più amati dagli italiani. Con oltre un milione e mezzo di voti si chiude il censimento promosso dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, per individuale i beni che i cittadini vorrebbero veder tornare all’antico splendore.

La partecipazione al censimento, anche quest’anno, è stata altissima e sono stati oltre 33mila i luoghi oggetto di segnalazione da parte delle singole persone, che hanno partecipato, spontaneamente o tramite i comitati FAI attivi sul territorio, all’iniziativa.

Al primo posto, con 50.141 voti, si è posizionato il Castello di Sammezzano a Reggello, in Toscana, che mostra al suo interno degli spettacolari saloni decorati in stile moresco. Il bene versa ormai da anni in stato di abbandono, nonostante l’impegno di un’associazione locale che da tempo cerca di renderlo fruibile da tutti.

Segue al secondo posto con 47.319 voti l’imponente Complesso di Santa Croce a Bosco Marengo, il convento di papa Pio V, in Piemonte, che custodisce opere di Giovanni Vasari.

E poi, terzo posto con 36.789 voti, un monumento della natura, le suggestive Grotte del Caglieron a Fregona, in provincia di Treviso, Veneto, da far conoscere non solo alla comunità locale.

Nella top 20 anche l’Area archeologica di Capo Colonna a Crotone (quarto posto) e la Ditta Guenzati (quinto posto), il negozio più antico di Milano specializzato in accessori per abbigliamento e tessuti anglosassoni, che rischia lo sfratto. E poi ancora chiese, giardini, palazzi e testimonianze di archeologia industriale, una su tutte la Tonnara di San Vito Lo Capo.

Con l’iniziativa I Luoghi del Cuore, il FAI consente di far ascoltare la voce di chi vuole vedere un’Italia protetta e valorizzata. Ma non solo, i tre vincitori del censimento, se ne avranno i requisiti e presenteranno un progetto di recupero, potranno ricevere un contributo: in 12 anni 68 interventi varati in ben 15 regioni italiane.

L’ottava edizione del censimento de I Luoghi del Cuore è stata dedicata all’archeologo Khaled al-Asaad, direttore del sito siriano di Palmira, patrimonio dell’Unesco, ucciso dall’Isis per non aver rivelato il nascondiglio di alcuni reperti romani.

Cinzia Morgante ha intervistato Federica Armiraglio, Responsabile di Progetto de ‘I Luoghi del Cuore’

 

Milano e Lombardia

 

Alessandria

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Commenti