ON AIR

Valentina
Guidi

Ascolta la diretta

Dal cancro alla rinascita: a Milano la mostra ‘Io ero, sono, sarò’

Io ero, sono, sarò‘ è la mostra fotografica a ingresso gratuito che apre i battenti per un mese da sabato prossimo, 19 maggio, al Castello Sforzesco di Milano, per promuovere la prevenzione del tumore al seno e celebrare la vita.

A cura di Silvia Amodio e Luca Perreca, e promossa da Coop Lombardia, racconta in maniera originale il tema del cancro: 50 fotografie di grande formato che ritraggono 49 donne e un uomo operati alla mammella. Le donne sono state ritratte avvolte solamente da un velo leggero e trasparente che è il fil rouge di tutti gli scatti. Un vezzo tipicamente femminile che ha permesso di (s)velare non solo le parti del corpo colpite dal male ma anche le cicatrici profonde e non sempre visibili.

Gli scatti raccontano con grazia la lotta e la speranza, ma soprattutto il traguardo di una rinascita. Da qui il titolo: ‘Io ero, sono, sarò‘ prima, durante e dopo la malattia. I colori tenui e la delicatezza della fotografia ci rivelano l’anima e la forza di queste splendide donne.

Chi ha deciso di partecipare al progetto lo ha fatto per celebrare la vita perché dopo essersi misurate con il dolore si ripensa a come prendersi cura di sé, a rimettersi in gioco e trovare il coraggio di realizzare un sogno.


IO ERO, SONO, SARÒ

Dal 19 maggio al 19 giugno 2018
Sala Panoramica Castello Sforzesco di Milano
Piazza Castello, Milano
Giorni e orari di apertura
Tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.30
Ingresso Gratuito
www.ioerosonosaro.it

Io ero, sono, sarò‘ è un progetto di Coop Lombardia con il patrocinio di Commissione Europea, Ministero della Salute, MiBACT-Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Lombardia, Comune di Milano.

L’autrice
Silvia Amodio è fotografa, giornalista e documentarista milanese. Nel suo lavoro coniuga etica ed estetica per affrontare temi complessi come la diffusione dell’Aids in Sudafrica, la pedofilia clericale, i bambini lavoratori in Perù, l’albinismo e la malnutrizione in Burkina Faso. Collabora con numerosi periodici, e le sue fotografie sono apparse sulle principali riviste di settore. Ha esposto in Italia, Stati Uniti, Francia, Inghilterra, Olanda, Spagna.

(Nelle foto, Daniela T. e Iole P. – credit: Silvia Amodio)

Commenti