Capodanno 2018 a Torino: addio festa e fuochi d’artificio in centro

A Torino, niente festeggiamenti in centro a Capodanno. La notizia era già nell’aria ma ora è ufficiale con la comunicazione dell’assessore alla Cultura del Comune di Torino Francesca Leon. No al concerto in piazza San Carlo e no anche ai fuochi d’artificio. Il 2018 sotto la Mole, prenderà il via in maniera diversa dal solito. Il nuovo anno, come già accennato nelle scorse settimane, si festeggerà al chiuso, al Pala Alpitour in zona Santa Rita e allo Spazio 211, in Barriera di Milano.

Una questione di sicurezza

Un Capodanno sottotono dunque? Leon respinge ogni infelice allusione: “Mi sento di dire che invece sarà un Capodanno di qualità”. Ammonta a 200mila euro tra l’altro l’investimento dell’amministrazione per l’organizzazione dell’evento. “Noi speriamo che i cittadini apprezzino le nostre scelte – continua l’assessore Leon – Abbiamo deciso di non organizzare concerti in piazza ed eventi in centro per via delle nuove norme sulla sicurezza, obbligatorie per le grandi manifestazioni. Ciò avrebbe comportato spese esose per le casse del Comune e avrebbe creato disagi non da poco ai commercianti. Abbiamo allargato lo sguardo sulla città e alla fine optato per due luoghi – Il Pala Alpitour e lo Spazio 211 – diversi dal solito, all’insegna anche della sicurezza”.

Cristicchi e Mingardi le star della serata

Al Pala Alpitour l’artista d’eccezione, dalle 23 in avanti, sarà Simone Cristicchi mentre prima, a partire dalle 21, animeranno la serata Giorgio Conte, Luca Morino, Daniele Lucca con un omaggio a Gipo Farassino; il cantautore genovese Federico Sirianni, Chiara Civello e la Banda di Collegno che proporrà le canzoni più note di Fred Buscaglione. Si andrà poi avanti, fino a notte fonda, con il Dj set di Radio Montecarlo, radio partner dell’evento.

“L’ingresso sarà controllato con tagliandi da ritirare in precedenza – ha spiegato ancora Leon – che avranno, molto probabilmente un piccolo costo: tutto il ricavato della serata comunque sarà devoluto in beneficenza”

Allo Spazio 211, dove invece l’ingresso sarà libero per tutti, ci sarà animazione dalle 20 con la musica Jazz di Max Gallo, la Torino Jazz City Band e con Andrea Mingardi e la sua band. Lunedì 1 gennaio è previsto poi, in galleria Umberto I, è previsto un concerto di musica classica con distribuzione di panettone e spumante, eventi al quale tutti i torinesi sono invitati a partecipare.

in collaborazione

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter

Commenti